Headlines :: Dettaglio Articolo

Log in
  • Login
  • Password
  • Hai dimenticato la tua password?
Ufo Magazine
Dalla rete
Servizi
Statistiche

Utenti online

  • 66 anonimi, nessuno registrato.
  • Ci sono 166 iscritti in totale.
Eva Group
Autore

Iscritto

Web master di http://ufoplanet.ufoforum.it & http://www.ufoforum.it/

Links sponsorizzati
Articoli correlati
Nessun articolo correlato
Links correlati
Nessun links correlato
Prodotti correlati
Nessun prodotto correlato
Informazioni

Strumenti

Statistiche

  • Letto: 3531
  • Segnalato: 0
  • Giudizi e voti

    Vota!

Articolo Modifica articolo
Sei in: UFO PLANET (841)  Non solo UFO (542)  Astronomia e scienza (203)

Ultimi studi sui meteoriti e rivelazioni su Marte: “C’erano e forse ci sono forme viventi”

11 Gennaio 2010 06.24 - Di: DigDug - Fonte: www.newnotizie.it

Non solo UFO / Astronomia e scienza :: Ultimi studi sui meteoriti e rivelazioni su Marte: “C’erano e forse ci sono forme viventi”

 Nessun video o audio disponibile

 Nessuna documentazione disponibile

 Esperti Nasa: presto prove dell'esistenza di forme di vita su Marte.

Feed RSS dei prodotti cercati
Prepariamoci, nel corso delle prossime settimane, a ricevere prove concrete circa l’esistenza di forme di vita su Marte. Ad anticiparcelo sono gli studiosi della Nasa, impegnati in una complessa ricerca sui meteoriti caduti sulla Terra e provenienti dal “pianeta rosso”.

“Ci manca davvero poco per dimostrare definitivamente che su Marte c’era e forse c’è ancora vita”, questa è una delle ultime dichiarazioni proveniente dal responsabile di astrobiologia della Nasa, David S. McKay.

Gli studi che porteranno a confermare o meno la presenza di forme di vita su Marte, si sono concentrati in particolare sul meteorite caduto in Antartide circa 13.000 anni fa, trovato poi nel 1984 da una ricercatrice Nasa e oggi noto come AHL84001. Negli ultimi mesi dello scorso anno, le ricerche si sono arricchite di strumenti molto più sofisticati rispetto a quelli impiegati nel corso del passato decennio, grazie anche all’utilizzo di una tecnica chiamata “fascio ionico focalizzato”, e i risultati sono stati a dir poco sorprendenti: tutto ciò che è all’interno del meteorite, può essere spiegato solo attraverso un’origine biologica.

AHL84001, tuttavia, non fu l’unico meteorite giunto sulla terra. Più recentemente ne caddero altri due, sempre di provenienza marziana. Uno, in particolare, caduto in Egitto nel 1911 e frantumatosi in una quarantina di frammenti, è stato sottoposto agli stessi studi, così come il terzo, caduto sempre nell’Antartide, e i risultati sono stati i medesimi. In entrambi i nuovi casi, sono stati ritrovati gli stessi elementi di provenienza biologica e che alimenterebbero ulteriormente le prove della vita sul pianeta.
 
Condividi
Torna ad inizio pagina 
Novità di oggi  Feed RSS di questa vetrina
Nessun articolo disponibile

UFO    |    Ricerche    |    UFO Forum    |    Eventi    |    Contatti    |    Disclaimer    |    Privacy