Headlines :: Dettaglio Articolo

Log in
  • Login
  • Password
  • Hai dimenticato la tua password?
Ufo Magazine
Dalla rete
Servizi
Statistiche

Utenti online

  • 52 anonimi, nessuno registrato.
  • Ci sono 166 iscritti in totale.
Eva Group
Autore

Iscritto

Web master di http://ufoplanet.ufoforum.it & http://www.ufoforum.it/

Links sponsorizzati
Articoli correlati
Nessun articolo correlato
Links correlati
Nessun links correlato
Prodotti correlati
Nessun prodotto correlato
Informazioni

Strumenti

Statistiche

  • Letto: 1429
  • Segnalato: 0
  • Giudizi e voti (1)

    100%

Articolo Modifica articolo
Sei in: UFO PLANET (841)  Non solo UFO (542)  Astronomia e scienza (203)

Geoff Marcy, un cacciatore di mondi alieni

20 Gennaio 2010 07.18 - Di: DigDug - Fonte: astronomicamentis

Geoff Marcy

Geoff Marcy

Non solo UFO / Astronomia e scienza :: Geoff Marcy, un cacciatore di mondi alieni

 Nessun video o audio disponibile

 Nessuna documentazione disponibile

 Un cerca di mondi alieni

Feed RSS dei prodotti cercati
Da sempre ci chiediamo se esistono mondi alieni attorno a stelle che appartengono ad altri sistemi planetari. Questa domanda è rimasta senza risposta fino al 1995, l'anno in cui è stato scoperto il primo pianeta extrasolare. Da allora gli scienziati hanno scoperto più di 420 pianeti extrasolari e tra questi, Geoffrey Marcy, professore di astronomia all'Università della California, a Berkeley, è stato uno dei primi a scoprirne quasi un centinaio.

L'esistenza di pianeti attorno ad altre stelle è estremamente difficile. Il problema, per dirla in breve, sta nel fatto che un pianeta è circa 1 miliardo di volte più debole della sua stella così che essi si perdono, per così dire, nella luce diffusa della stella ospite. Oggi disponiamo di grandi telescopi, computer veloci e sistemi ottici avanzati che ci permettono di avere un elevato successo nel trovare i pianeti extrasolari. Tuttavia, i pianeti finora scoperti sono giganti gassosi, tipo Giove, per cui la domanda è: quanto tempo ancora bisognerà attendere per rivelare un pianeta di tipo terrestre?

La NASA è attualmente impegnata con due missioni spaziali, una chiamata Space Interferometry Mission (SIM) e l'altra Kepler allo scopo di identificare pianeti delle dimensioni tipiche a quelle della Terra. "SIM esplorerà un insieme di circa 200 stelle vicine e non sappiamo quanti pianeti troverà. Potrebbe succedere che ogni stella ha un sistema planetario con una Terra o un pianeta come Venere o Mercurio o ancora come Marte. Non conosciamo la risposta e non sappiamo se ne troveremo pochi o tanti", dice Marcy. Ciò che si tenterà di fare con SIM sarà cercare pianeti rocciosi che contengano sulla superficie delle "pozze biochimiche" dove si spera che esistano forme di vita elementari. "Credo che tutto questo interesse per i pianeti extrasolari nasca dal fatto che noi vogliamo sapere se effettivamente siamo soli nella Galassia o se c'è qualcuno lì fuori che attende di essere trovato", dice Marcy, "e non scorderò mai il giorno in cui il 30 Dicembre del 1995 il mio collega Paul Butler mi chiamò dall'ufficio a Berkeley dove andai di corsa e vidi sullo schermo del computer il grafico relativo all'oscillazione della posizione della stella 70 Virginis. Davamo la caccia ai pianeti extrasolari da circa 11 anni, senza avere successo, quando lì, sullo schermo del computer, dopo tanto tempo appariva la prova dell'esistenza del primo di una lunga serie di pianeti extrasolari. Fu un momento fantastico".

La NASA ha creato sul sito Planet Quest una applicazione web interattiva, sviluppata dal JPL, che spiega i principali fatti storici dell'esplorazione spaziale sui pianeti extrasolari, iniziando dalle idee di Giordano Bruno fino alla missione di Kepler.

Il video seguente è invece una lezione di Geoff Marcy sulla ricerca di sistemi planetari attorno alle stelle.

Video



 
Condividi
Torna ad inizio pagina 
Novità di oggi  Feed RSS di questa vetrina
Nessun articolo disponibile

UFO    |    Ricerche    |    UFO Forum    |    Eventi    |    Contatti    |    Disclaimer    |    Privacy