Headlines :: Dettaglio Articolo

Log in
  • Login
  • Password
  • Hai dimenticato la tua password?
Ufo Magazine
Dalla rete
Servizi
Statistiche

Utenti online

  • 85 anonimi, nessuno registrato.
  • Ci sono 166 iscritti in totale.
Eva Group
Autore

Iscritto

Web master di http://ufoplanet.ufoforum.it & http://www.ufoforum.it/

Links sponsorizzati
Articoli correlati
Nessun articolo correlato
Links correlati
Nessun links correlato
Prodotti correlati
Nessun prodotto correlato
Informazioni

Strumenti

Statistiche

  • Letto: 3371
  • Segnalato: 0
  • Giudizi e voti (1)

    99%

Articolo Modifica articolo
Sei in: UFO PLANET (842)  Non solo UFO (542)  Archeologia e storia misterica (94)

Trovato il primo relitto di una nave minoica

21 Gennaio 2010 05.22 - Di: DigDug - Fonte: Laportadeltempo

Non solo UFO / Archeologia e storia misterica :: Trovato il primo relitto di una nave minoica

L'archeologa Elpida Hadjidaki indica la...

L'archeologa Elpida Hadjidaki indica la posizione di manufatti in ceramica sul fondo del Mediterraneo. Essi sono stati persi quando una nave minoica che probabilmente trasportava vino e olio d'oliva in centinaia di recipienti di grandi dimensioni affondò tra il 1800 e il 1675 a.C. (Courtesy Nike Mar

Con l'isola di Pseira sullo sfondo,...

Con l'isola di Pseira sullo sfondo, Hadjidaki mostra con orgoglio un'anfora intatta, di forma ovale, che ha appena scavato a una profondità di 131 metri. (Courtesy V. Mentoyannis)

 Nessun video o audio disponibile

 Nessuna documentazione disponibile

 Strepitosa scoperta.

Feed RSS dei prodotti cercati
di Eti Bonn-Muller

Creta ha sedotto gli archeologi per più di un secolo, attirandoli alle sue coste rocciose con racconti fantastici di re leggendari, divinità astute e creature mitiche. La più grande delle isole greche, Creta era la terra dei Minoici (3100-1050 a.C.), una civiltà dell'età del bronzo che deriva il nome dal suo primo sovrano, re Minosse, il padrone "del mare" che si dice abbia liberato le acque dai pirati. Secondo Tucidide, fu egli a creare la prima talassocrazia, o impero marittimo. I minoici erano famosi per la loro abilità marinara, che aprì rotte commerciali con i regni potenti d'Egitto, Anatolia, e il Levante.

Raffigurazioni di navi abbondano sui sigilli e affreschi minoici. Sono sufficientemente dettagliate per dimostrare che le navi erano impressionanti: in generale, avevano 15 remi su ciascun lato e vele quadre, e probabilmente erano di circa 50 piedi (17 m circa) di lunghezza. Ma poco di più si sapeva sui viaggi per mare dei Minoici - fino a che l'archeologa greco Elpida Hadjidaki non fu il primo a scoprire un relitto di nave minoica.

Hadjidaki, che si auto-definisce una "ragazza di porto", era nata e cresciuta nella cittadina balneare cretese di Chania. Subacquea esperta e appassionata, con formazione in archeologia classica, ha ricevuto un finanziamento da parte dell'Istituto per la Preistoria del Mar Egeo nel 2003 per la ricerca di antichi relitti di navi nei fondali, vicino a Creta. "Ho sempre voluto trovare un relitto minoico, " dice, "così ho iniziato a cercarne uno".

Per quasi un mese, lei e un team di tre pescatori subacquei di spugne e coralli, a bordo di una barca da pesca in legno da 20 piedi, hanno cercato su e giù per le coste dell'isola. Il penultimo giorno del sondaggio, Hadjidaki ha deciso di abbandonare la tecnologia e continuare a istinto. Sapeva che, nel 1976, Jacques Cousteau aveva condotto una squadra alla piccola isola di Pseira, a un porto dell'età del bronzo, circa un miglio e mezzo dalla costa nord-orientale di Creta, nel Golfo di Mirabello. Era in cerca di Atlantide, ritenuta da alcuni associata con la vicina isola di Thera. Cousteau aveva trovato ceramiche minoiche sott'acqua, nei pressi della riva, e pensò che provenissero da navi affondate nel porto per l'eruzione vulcanica che distrusse Thera nel 1650 o 1520 a.C. (I reperti sono ora ritenuti appartenere alle case di Pseira rovinate in mare durante un terremoto).

Incuriosita, Hadjidaki e il suo team raggiunsero un punto, circa 300 metri al largo Pseira, vicino a dove era stato Cousteau. "Ho pensato: perché non ci vado e vedo di persona?" lei ricorda. "Ma ho detto: non ho intenzione di andare dove Jacques Cousteau si tuffò. Ho intenzione di passare alla parte più profonda".

ETI Bonn-Muller è caporedattore di archeologia.
 
Condividi
Torna ad inizio pagina 
Novità di oggi  Feed RSS di questa vetrina
Nessun articolo disponibile

UFO    |    Ricerche    |    UFO Forum    |    Eventi    |    Contatti    |    Disclaimer    |    Privacy