Headlines :: Dettaglio Articolo

Log in
  • Login
  • Password
  • Hai dimenticato la tua password?
Ufo Magazine
Dalla rete
Servizi
Statistiche

Utenti online

  • 62 anonimi, nessuno registrato.
  • Ci sono 166 iscritti in totale.
Eva Group
Autore

Iscritto

Web master di http://ufoplanet.ufoforum.it & http://www.ufoforum.it/

Links sponsorizzati
Articoli correlati
Nessun articolo correlato
Links correlati
Nessun links correlato
Prodotti correlati
Nessun prodotto correlato
Informazioni

Strumenti

Statistiche

  • Letto: 2387
  • Segnalato: 0
  • Giudizi e voti (1)

    100%

Articolo Modifica articolo
Sei in: UFO PLANET (842)  Ufologia (299)  Notizie (249)

Gruppo di scienziati, piloti e militari chiesero chiarezza sugli UFO agli USA

20 Febbraio 2010 13.30 - Di: DigDug - Fonte: g1.globo.com

Ufologia / Notizie :: Gruppo di scienziati, piloti e militari chiesero chiarezza sugli UFO agli USA

 Nessun video o audio disponibile

 Nessuna documentazione disponibile

 Gruppo di esperti chiese la riapertura delle indagini sugli UFO chiusa dal Governo Americano ufficialmente nel 1969. "Potrebbero essere navicelle aliene"

Feed RSS dei prodotti cercati
Traduzione e recupero informazioni http://ufoplanet.ufoforum.it


Un gruppo di 14 scienziati, piloti, militari e funzionari governativi provenienti da 7 Paesi chiesero nel 2007 agli Stati Uniti di riaprire l'inchiesta ufficiale sugli UFO chiusa nel 1969.

"Vogliamo che il Governo Americano pubblichi le storie che perpetuano il mito degli oggetti volanti non identificati al fine di spiegarlo in termini convenzionali", ha detto in una conferenza pubblica Fife Symington, ex Governatore dell'Arizona.

Gli Stati Uniti interruppero il progetto nel 1969, conosciuto con il nome "Blue Book", iniziato dall'Air Force nel 1952 creato per cercare di indagare sugli UFO, e poi terminato a causa delle critiche del Congresso circa l'accuratezza e la validità   di queste indagini.

Gli esperti che hanno partecipato alla conferenza stampa hanno criticato la mancanza di interesse ufficiale da parte degli Stati Uniti nel campo degli UFO, nonché il segreto che il Governo custodirebbe.

Tutti queste persone affermano di aver avuto esperienze con gli UFO e alcuni, come il Comandante e pilota dell'Air Force Accademy Peruviana - Alfonso Santa Maria, ha detto di provare brivido solo nel pensarci.

Santa Maria nell'occasione ha ricordato che la mattina dell'11 Aprile 1980, 1.800 soldati in formazione presso la base aerea di La Joya (Arequipa) videro un oggetto immobile in aria, "proprio come un globlo".

"Il mio comandante diede l'ordine di decollare ad un jet Sukhoi-22 e di cercare di abbattere la sfera, credendo si trattasse di spionaggio da una nazione avversaria, ha ricordato l'ex-militare. "Mi avvicinai e gli sparai 64 proiettili da 30 mm, ma senza causargli danni. Non aveva motori o tubi di scarico, finestrini, era senza ali o antenne. Non possedeva nessuna caratteristica tipica degli aerei, e non aveva nessun tipo di propulsione visibile", ha detto Santa Maria, il quale dovette in seguito fare un atterraggio di emergenza a causa del termine del carburante a disposizione… "Mi sento ancora i brividi addosso quando ci penso", ha ricordato il pilota.

Jean Charles Duboc, capitano in pensione dell'Air France, ha ricordato un episodio risalente al 28 Gennaio 1984, quando si trovava in volo diurno da Londra a Nizza (Francia), e sia lui che il suo equipaggio videro un UFO sopra Parigi.

Videro un oggetto allungato, di colore bruno rossastro in volo, pareva essere 300 metri di larghezza, sembrava sospeso come se avesse un campo magnetico.

"La cosa più sorprendente è che diventò trasparente e scomparve in 10 o 20 secondi", ha detto Duboc ed ha ricordato che il fenomeno da allora rimase inspiegato.

Ray Bowyer un pilota della Aurigny Air Service, una compagnia aerea delle Isole della Manica, ha lamentato il fatto che gli Stati Uniti non hanno mai trattato il fenomeno come è avvenuto nel Regno Unito.

Bowyer ha riferito che nell'Aprile scorso furono segnalati un numero elevato di oggetti estranei sul Canale delle Manica.

"Non è un opzione, gli equipaggi sono tenuti a reagire in quel modo", ha detto il pilota, il quale inoltre ha affermato che la situazione è   molto diversa da quella vissuta un anno fa da funzionari dell'aeroporto internazionale di Vhicago (USA), i quali osservarono uno strano oggetto su di un "terminal".

"Testimoni ebbero paura di parlare di ciò che videro, per paura di perdere il proprio lavoro, e la Federal Aviation Agency (FAA) spiegò il fenomeno semplicemente come un fenomeno naturale meteorologico, ha osservato Bowyer.

Di fronte a problemi come questi, l'astronomo francese Jean-Claude Ribes ritiene si dovrebbe superare questi pregiudizi.

"Rari fenomeni atmosferici posso spiegare alcuni casi, ma altri episodi suggeriscono che esistono macchine volanti che superano le nostre capacità terrestri, ha detto l'esperto francese.

"Se si potesse dimostrare che questi casi, l'ipotesi extraterrestre sarebbe la più plausibile per spiegare l'origine di questi velivoli spaziali avanzati. E' una fantastica opportunità, e non è irrazionale tenuto conto dei dati esistenti, ha aggiunto Ribes.
 
Condividi
Torna ad inizio pagina 
Novità di oggi  Feed RSS di questa vetrina
Nessun articolo disponibile

UFO    |    Ricerche    |    UFO Forum    |    Eventi    |    Contatti    |    Disclaimer    |    Privacy