Headlines :: Dettaglio Articolo

Log in
  • Login
  • Password
  • Hai dimenticato la tua password?
Ufo Magazine
Dalla rete
Servizi
Statistiche

Utenti online

  • 339 anonimi, nessuno registrato.
  • Ci sono 166 iscritti in totale.
Eva Group
Autore

Iscritto

Web master di http://ufoplanet.ufoforum.it & http://www.ufoforum.it/

Links sponsorizzati
Articoli correlati
Nessun articolo correlato
Links correlati
Nessun links correlato
Prodotti correlati
Nessun prodotto correlato
Informazioni

Strumenti

Statistiche

  • Letto: 3597
  • Segnalato: 0
  • Giudizi e voti (2)

    96%

Articolo Modifica articolo
Sei in: UFO PLANET (841)  Ufologia (298)  Notizie (249)

68° anniversario della "Battaglia di Los Angeles". Parla un testimone oculare. 1° Parte

5 Marzo 2010 12.12 - Di: DigDug - Fonte: theufochronicles

Ufologia / Notizie :: 68° anniversario della "Battaglia di Los Angeles". Parla un testimone oculare. 1° Parte

Mappa con il percorso dell'oggetto

Mappa con il percorso dell'oggetto

Il testimnone Scott Littleton

Il testimnone Scott Littleton

 Nessun video o audio disponibile

 Nessuna documentazione disponibile

 Parla uno dei testimoni che quella famosa notte vide la contraerea americana sparare migliaia di colpi contro un UFO

Feed RSS dei prodotti cercati
Scott Littleton nel 1942 aveva 9 anni, visse a Los Angeles e si ricorda molto bene della notte del 25 Febbraio. Questo è il risultato del lavoro di ricerca fatto da l'ufologo Frank Warren e il ricercatore Bruce Maccabee che 60 anni dopo rendono noti pubblicamente i ricordi di un testimone oculare. Si cerca di determinare la traiettoria dell'UFO che apparse nel cielo di Hermosa Beach.

Professore emerito di Antropologia a Los Angeles, Scott Littleton non è un ufologo: "Sono molto interessato al tema universale della "War of Gods" - la guerra degli dei - che potrebbe generare "danni collaterali" causati da un guerra coloniale tra due civiltà aliene tecnologicamente avanzate per l'egemonia del nostro pianeta fra 8 o 9.000 anni.

"Meno di tre mesi dopo Pearl Harbour, la minaccia d'invasione si fece sentire, bombardamenti di rappresaglia erano attesi dai militari. Pertanto, la regione Californiana era impegnata in esercitazioni di difesa aerea. In molte occasioni i militari fecero fuoco su bersagli inviati appositamente in aria sopra l'oceano. Gli obiettivi venivano illuminati da fari molto potenti. Lo spettacolo durava mezz'ora e si concludeva attorno alle 22.

Inizialmente, noi ragazzi guardavamo tutto completamente affascinati, ma dopo poche sere a partire da Gennaio, il suono degli spari delle esplosioni diventò di routine, come il fruscio delle onde del mare d'inverno. C'era la certezza che per la nostra sicurezza, i nostri bravi militari della difesa aerea avrebbero fatto di tutto per difenderci da un possibile attacco giapponese che sarebbe entrato nel nostro spazio aereo.

La sera del 24 Febbraio fu ordinaria, qualche esercitazione seguiva il silenzio fino alle 22.00. Come al solito andai a letto e lessi qualcosa alla luce della torcia che avevo nascosto sotto il cuscino, e poi mi addormentai.

Alle 3.15 circa, mi sveglia di soprassalto udendo quello che pareva essere un temporale in lontananza, poi pensai che le esercitazioni erano iniziate anche ad ora tarda, ma qualcosa nell'intensità e nella velocità dei bombardamenti mi fece capire che non era quello che sentivamo ogni sera. La mia stanza aveva la vista sull'oceano, ma la parte di cielo che riuscivo a vedere era colma di luce accecante generata dai proiettori e dai bagliori delle esplosioni,

Grazie alle mie osservazioni precedenti ero sicuro che si trattava di qualcosa di diverso. I fasci dei riflettori e delle esplosioni erano sempre stati ad una certa distanza sopra il cielo ed erano in gran parte visibili dalla mia finestra quando mi trovavo a letto. Questa volta, tutto sembrava molto più vicino. Sentii i miei genitori parlare nel corridoio ed uscii.

Mio padre grado preoccupato e disse che non aveva senso. Era l'incaricato della sorveglianza contro i raid aerei ed aveva cercato di contattare il quartier generale della difesa civile, ma non aveva ricevuto risposta. (Più tardi scoprimmo che l'allarme era stato dato alle 2,25, ma nessuno aveva pensato di avvertire le guardie locali). Si vestii e andò a vedere cosa stava succedendo.

Tornò abbastanza in fretta più preoccupato che mai e disse a mia madre di portare me e i miei tre nonni, che vivevano con noi, giù nel rifugio che aveva iniziato a costruire il 7 dicembre di tutta fretta. Mio nonno da parte di mia madre era lento nel prepararsi….

Ma quando mio padre disse esortò tutti ad affrettarci in quanto l'oggetto pare non poter essere colpito. Tutti eravamo nel rifugio in un minuto. Ero eccitato, avevo paura e volevo disperatamente sapere cosa stesse accadendo. Mio padre ritornò e noi sentimmo la sirena di allarme per i continui spari. Mia madre accompagnò i suoi genitori e l'altro nonno al riparo all'interno di due piccole stanze protette da pile di sacchi sabbia disposti in ogni lato del rifugio,.

Ero angustiato, volevo uscire e vedere tutta l'azione. Mia madre, anche lei era spaventata, come mi disse 10 minuti più tardi. Eravamo seduti su di alcune panchine che contenevano kit di pronto soccorso, una bottiglia d'acqua e cibo in scatola. Tutti, compresi gli anziani erano pronti ad un attacco giapponese.

La nostra prima idea fu quella di un attacco nemico, perché sentimmo il rombo dei motori di aerei, poi venimmo a sapere che in seguito che il rumore sentito era del nostro aereo.

Ad un certo punto mia madre uscii dal rifugio dalla porta che conduce alla spiaggia, io la seguii.

Ci siamo trovati fianco a fianco, ci siamo stretti l'uno contro l'altro per via del freddo della notte, alzando gli occhi al cielo. Sentivamo gli aerei, ma non erano visibili a causa della distanza, ma ciò che attirò la nostra attenzione fu un 'animale' d'argento a forma di diamante, come lo descrisse mia madre in seguito. L'oggetto stava immobile, quasi sopra le nostre teste. L'altitudine è difficile da stimare, soprattutto perché sono passati tanti anni, ma direi che poteva essere tra i 1200 e 2400 metri.

Questo potrebbe spiegare il perché non abbiamo visto la fosforescenza color arancio riportata da diversi testimoni a Santa Monica e da Cluver City, luoghi nel quale l'oggetto era più basso

Da tutte le parti sparavano i proiettili antiaerei che colpivano la misteriosa nave. Il rumore era assordante. Ogni volta che un nuovo lampo rosso si vedeva, l'odore acre della cordite si sentiva maggiormente.

Le schegge calde cadevano sulla spiaggia e le raccogliemmo (il giorno dopo noi ragazzi li abbiamo raccolti dalla sabbia per scambiarcele). Nonostante il fuoco la nave non emise nessun suono, e non si comportò in modo aggressivo.

Mentre l'attacco era in corso, e tutti eravamo con la bocca spalancata, l'oggetto pareva non curarsi dei colpi ricevuti ed a un certo punto iniziò a muoversi verso sud-est, fino a Redundo Beach e poi scomparve.

Nonostante i colpi l'oggetto pareva essere invulnerabile. Anni più tardi venni a sapre che gli furono sparati più di 1400 colpi. il rapporto dell'esercito disse che furono 1430 copli, ma sicuramente furono di più.

L'oggetto riapparve nella parte superiore di San Pedro e Long Beach prima di scomparire definitivamente attraverso l'oceano da qualche parte nelle contee di orango e San Diego.

Poco dopo averlo perso di vista, sentimmo il rumore degli aeromobili dell'aviazione, l'attacco era quasi cessato e molti velivoli delle forze armate, alcuni P-38 probabilmente di base a Mines Field (l'aeroporto di Los Angeles dei giorni d'oggi) provenivano da nord-est.

Si erano fatte le 4 del mattino, l'intero episodio era durato mezzora. Il fuoco era cessato, ma nessuno era andato a letto. L'edizione del Los Angeles Examiner, scrisse un titolo davvero accativanete "Air Battle Rage Over Los Angeles".

Fine prima parte
 
Condividi
Torna ad inizio pagina 
Novità di oggi  Feed RSS di questa vetrina
Nessun articolo disponibile

UFO    |    Ricerche    |    UFO Forum    |    Eventi    |    Contatti    |    Disclaimer    |    Privacy