Headlines :: Dettaglio Articolo

Log in
  • Login
  • Password
  • Hai dimenticato la tua password?
Ufo Magazine
Dalla rete
Servizi
Statistiche

Utenti online

  • 67 anonimi, nessuno registrato.
  • Ci sono 166 iscritti in totale.
Eva Group
Autore
Nessuna anagrafica disponibile
Links sponsorizzati
Articoli correlati
Nessun articolo correlato
Links correlati
Nessun links correlato
Prodotti correlati
Nessun prodotto correlato
Informazioni

Strumenti

Statistiche

  • Letto: 4588
  • Segnalato: 0
  • Giudizi e voti

    Vota!

Articolo Modifica articolo
Sei in: UFO PLANET (842)  Ufologia (299)  Notizie (249)

E' cominciata una guerra segreta?

12 Gennaio 2011 03.12 - Di: Sheenky - Fonte: UfoPlanet di Ufoforum.it

Ufologia / Notizie :: E' cominciata una guerra segreta?

 Nessun video o audio disponibile

 Nessuna documentazione disponibile

 Il rapporto tra l' Uomo e le Civiltà Extraterrestri...

Feed RSS dei prodotti cercati
Articolo di Aztlan da Ufoforum.it
(http://www.ufoforum.it/pop_profile.asp?mode=display&id=2498)

Come avrete capito dal titolo in questo articolo si parla del rapporto tra l' Uomo e le Civiltà Extraterrestri che sono tra quelle che interagiscono con noi, e non quelle che solo ci osservano, comunque con i Visitatori responsabili del fenomeno abduction e/o quelle che più profondamente intervengono nel nostro mondo, da sempre.
Sgombriamo subito il campo da un equivoco: qui NON si parla di una "Guerra dei Mondi" in stile hollywoodiano con astronavi che compaiono sopra le città del pianeta e distruggono tutto.
Quella se ci fosse non avremmo certo bisogno di discutere per stabilirlo.
E soprattutto, al contrario dei colossal americani, niente ci salverebbe dalla fine, non ci sarebbe nessuna possibilità di vittoria contro una simile minaccia.
Per quanto i militari e non solo loro senza dubbio nascondono molti gingilli al mondo, questi saranno pure impressionanti per noi e decisivi in uno scontro con un Paese del Terzo Mondo, ma in confronto alla tecnologia di chi è in grado di curvare lo spaziotempo, è davvero niente o quasi.
La possibilità di vincere una guerra aperta contro una civiltà evoluta aliena o anche solo di sostenere uno scontro diretto a lungo è ZERO.
SE ci fosse una "guerra dei mondi" o come vogliamo chiamarla, oggi come oggi, sarebbe una guerra lampo.... a loro favore.
Vincerebbero Loro, facilmente e con perdite nulle o irrilevanti - come la minuscola sonda della cosiddetta Battaglia di Los Angeles.
E con la totale distruzione del nostro intero sistema statale, dal governo alle autorità regionali, vertici politici e comando militare, sistema produttivo energetico ed industriale, TUTTO.
Il tutto si conterebbe in ORE.
E se volessero, potrebbero semplicemente cancellare la nostra specie o la vita da questo pianeta e occuparlo o renderlo sterile.
Tutto questo dovrebbe farci capire che NON c' è e non può esserci in corso nessuna guerra dei mondi nel senso classico che noi diamo al termine "guerra".
Ossia un conflitto che mira alla distruzione delle difese e sistemi vitali del nemico allo scopo di costringerlo alla resa, quando non la distruzione totale.
Semplicemente perchè ormai ce ne saremmo accorti da tempo: se dieci anni fa fosse iniziata da parte nostra o loro una simile campagna, sarebbe già finita da nove anni e mezzo.
MA... c' è una variabile importante.
Senza dubbio non può essere in corso un conflitto tradizionale, cioè simmetrico, come lo definiamo noi oggi, ma l' esperienza accumulata dalla nostra specie in migliaia di anni nel campo bellico - uno di quelli in cui eccelliamo, se mi permettete il sottile umorismo - ci ha insegnato che esistono molti atri tipi di conflitto, asimmetrici.
Pensiamo ad esempio a quei casi in cui un Paese è occupato militarmente da una potenza tanto più forte che l' unica strategia possibile è la guerriglia.
Ossia il sabotaggio il più possibile pressante e efficace dei sistemi più vulnerabili del nemico, come quelli logistici, allo scopo di rendere l' occupazione tanto faticosa e dispendiosa di mezzi per il controllo totale di un territorio molto vasto da indurlo a rinunciare.
Ora naturalmente anche questo NON è certo il caso nostro.
Ma è una premessa necessaria per spiegare cosa potrebbe invece essere nel novero delle situazioni possibili in quel relativamente nuovo campo che riflette sui (possibili) rapporti tra l' Uomo e Civiltà aliene e le sue ripercussioni interne che è l' esopolitica.
Sgombrando la mente dai semplicismi cui l' abitudine spinge a fare ricorso per spiegare situazioni che invece per la loro complessità meritano uno studio più attento e una ponderazione anche ipotetica.
Penso a un tipo di rapporto molto complesso e controverso che dati gli attori che lo interpretano, ossia specie diverse di diversi mondi, e che vede come teatro il mondo natale della specie indigena meno evoluta tecnicamente (per ora) e cioè NOI e per gli interessi e le dinamiche che lo caratterizzano, si configura come ancora più non convenzionale di quelli a noi noti e che riguardando la specie umana sulla Terra e sono quindi applicabili a quella situazione (e a quelle simili nell' Universo anche con altre specie al posto dell' Uomo), ma NON a un rapporto di tipo Esopolitico, cioè tra specie aliene tra loro.
Un rapporto in cui noi e loro siamo legati, o meglio loro sono legati a noi, e noi di riflesso, da un interesse reciproco: LORO, come è palese dal fenomeno abduction, hanno bisogno di noi per i loro esperimenti, qualunque sia il loro scopo finale, il discorso non cambia, il loro interesse è che ci siano sempre cavie fresche (scusate la brutalità del linguaggio) e quindi non solo NON hanno interesse a sterminarci con una campagna di genocidio, ma anzi il loro interesse è opposto, anche se non certo altruistico: siamo i loro animali da laboratorio.
Senza contare che sono sempre stato dell' opinione che se fosse quella la loro intenzione, lo avrebbero già fatto, hanno avuto millenni pieni di occasioni in cui il lavoro era già fatto a metà - peste, guerre mondiali, il mondo diviso in due blocchi all' alba dell' era atomica - e in cui la nostra tecnologia era notevolmente inferiore.
E noi di contro, una volta venuti a conoscenza della loro esistenza e presenza sul nostro mondo, che come ogni nuova scoperta viene indagata fino a che vengono scoperte le loro attività, abbiamo cercato ogni mezzo per sapere come difenderci.
Sottolineo che questo è uno scenario ipotetico, l' ipotetico tipo di rapporto che stiamo esaminando e che per i motivi sopra esposti, non è nè di guerra ma neanche di pace per come la intendiamo comunemente, ma un rapporto molto più complesso e controverso come dicevo, in cui vige una tensione costante tra le due parti che non sfocia in conflitto aperto perchè una parte (noi) sa bene di non avere i mezzi per vincere, almeno per il momento (storico) attuale, e l' altra (Loro) non ha alcuna intenzione di avviare una campagna palese di conflitto contro i loro interessi su di un Pianeta in cui da millenni agisce di nascosto, semplicemente prendendo quello che vuole, cavie umane comprese, ed evitando un confronto pubblico e diretto di alcun tipo, inutile, non necessario e anzi rischioso per la loro strategia di segretezza.
Una specie di Guerra Fredda Interplanetaria se vogliamo, che, intendiamoci, non sto affermando essere in corso, ma essere uno degli scenari possibili nel panorama esopolitico.
E all' interno di questo (possibile, ma per ora solo ipotetico - come molte altre cose qui del resto) scenario si possono avere episodi di ridotto confronto diretto caratterizzati dal fatto che entrame le fazioni hanno interesse nel mantenere segreta questa situazione alla maggioranza della popolazione mondiale : gli uni per non coinvolgere i civili, gli altri per non palesarsi agli indigeni che vedono e usano come cavie, come gregge da vivisezione, nè più nè meno come i capi di bestiame del famigerato fenomeno Mutilazioni animali, che sappiamo bene essere in qualche modo correlato, e come ogni gregge è bene per il pastore che non si spaventi troppo e stia al suo posto nel recinto.
Le rare ma decisive occasioni di confronto che potrebbero sussistere in questo ipotetico scenario esopolitico sarebbero caratterizzate, oltre che dal comune denominatore della segretezza, anche se per motivi diversi, dall' uso di sistemi altamente tecnologici (prototipi nel nostro caso, basti pensare alla grande ricerca che viene fatta dai militari nel campo dei laser), con un numero relativamente ridotto di unità, scelte ovviamente tra le forze speciali per essere le meglio addestrate ed equipaggiate e al contempo fidate, e con sistemi atti a fornire un minimo di copertura verso i Paesi e istituzioni non coinvolte per coprire le azioni al pari del settore Ricerca e Sviluppo etc.
E così vanno al loro posto nel puzzle tanti tasselli, comprese notizie dello stesso tenore che giungono di quando in quando su bizzarre azioni navali congiunte USA-RUSSIA come quella postata tempo fa sul forum, e sospettata di essere una copertura per un bombardamento di un avamposto sottomarino degli Annunaki o chi per loro, o la ben più recente notizia su USA VS USO (se mi permettete il gioco di parole) di cui attendiamo conferma da Wikileaks - una illusione a mio avviso, ma si vedrà.

La discussione sul forum la potete seguire cliccando sul seguente link: http://www.ufoforum.it/topic.asp?TOPIC_ID=9016
 
Condividi
Torna ad inizio pagina 
Novità di oggi  Feed RSS di questa vetrina
Nessun articolo disponibile

UFO    |    Ricerche    |    UFO Forum    |    Eventi    |    Contatti    |    Disclaimer    |    Privacy