Headlines :: Dettaglio Articolo

Log in
  • Login
  • Password
  • Hai dimenticato la tua password?
Ufo Magazine
Dalla rete
Servizi
Statistiche

Utenti online

  • 235 anonimi, nessuno registrato.
  • Ci sono 166 iscritti in totale.
Eva Group
Autore
Nessuna anagrafica disponibile
Links sponsorizzati
Articoli correlati
Nessun articolo correlato
Links correlati
Nessun links correlato
Prodotti correlati
Nessun prodotto correlato
Informazioni

Strumenti

Statistiche

  • Letto: 1454
  • Segnalato: 0
  • Giudizi e voti

    Vota!

Articolo Modifica articolo
Sei in: UFO PLANET (841)  Non solo UFO (542)  Astronomia e scienza (203)

Bloccato il S.E.T.I.

28 Aprile 2011 03.11 - Di: Sheenky - Fonte: Ufoonline

Non solo UFO / Astronomia e scienza :: Bloccato il S.E.T.I.

 Nessun video o audio disponibile

 Nessuna documentazione disponibile

 Il progetto SETI (Search for Extraterrestrial Intelligence Institute) è in pericolo.

Feed RSS dei prodotti cercati
Il progetto SETI (Search for Extraterrestrial Intelligence Institute) è in pericolo. Dopo i fasti dei primi anni duemila arriva dalla California l'annuncio della sospensione delle ricerche da parte dell'Allen Telescope Array, sistema finanziato dal co-fondatore di Microsoft Paul Allen, che ha donato oltre 25 milioni di dollari nel corso de tempo per mantenerlo in vita. Il motivo del blocco è quello della mancanza di fondi come spiega direttamente il direttore del programma SETI per i progetti speciali Karen Randall (che insieme al Berkeley's Radio Astronomy Lab dell'Università della California) sovraintendeva al progetto. La gestione dell'impianto supera il milione e mezzo di dollari all'anno e in tempo di crisi anche la ricerca più innovativa viene tagliata. Addio al sogno di captare un segnale alieno?

Certamente guardando il bilancio si percepisce una situazione a tratti disastrosa. Serve al più presto un finanziamento di almeno 5 milioni di dollari per riprendere le attività. Come spiegano dal quartier generale già dai prossimi giorni l'attrezzatura viene messa in pausa per le normali osservazioni e tutto il circuito dei telescopi verrà gestito da uno staff significativamente ridotto. Forse c'è ancora una speranza ma bisogna aspettare un biennio, almeno dino al 2013, quando ci sarà una nuova serie di finanziamenti che permetterà all'Allen Telescope Array di funzionare fino al 2018.Ma di certezze in questo momento non ce ne sono.

L'Allen Telescope Array (ATA)   si compone di 350 antenne, ciascuna avente un diametro di circa 6 metri. Utilizzando il metodo dell'interferometria , i radioastronomi simulano di fatto un enorme radiotelescopio che consente di mappare vaste regioni dello spazio. L'ATA permetteva fino ad ora di esplorare processi astrofisici del tutto nuovi come il cannibalismo tra buchi-neri, il fenomeno delle galassie scure, cioè prive di stelle, e naturalmente la ricerca più importante era rivolta all'ascolto di ipotetici segnali radio intelligenti di origine extraterrestre.

Certo rimangono altre postazioni di osservazione, e non si tratta di una bocciatura del progetto, rimane l'amaro in bocca per un colpo inferto alla ricerca aliena e al suo simbolo più forte oggi nel mondo, il Seti Institute.
 
Condividi
Torna ad inizio pagina 
Novità di oggi  Feed RSS di questa vetrina
Nessun articolo disponibile

UFO    |    Ricerche    |    UFO Forum    |    Eventi    |    Contatti    |    Disclaimer    |    Privacy