Headlines :: Dettaglio Articolo

Log in
  • Login
  • Password
  • Hai dimenticato la tua password?
Ufo Magazine
Dalla rete
Servizi
Statistiche

Utenti online

  • 55 anonimi, nessuno registrato.
  • Ci sono 166 iscritti in totale.
Eva Group
Autore
Nessuna anagrafica disponibile
Links sponsorizzati
Articoli correlati
Nessun articolo correlato
Links correlati
Nessun links correlato
Prodotti correlati
Nessun prodotto correlato
Informazioni

Strumenti

Statistiche

  • Letto: 3507
  • Segnalato: 0
  • Giudizi e voti

    Vota!

Articolo Modifica articolo
Sei in: UFO PLANET (841)  Ufologia (298)  Notizie (249)

I fatti di Gulf Breeze

11 Maggio 2011 03.50 - Di: Sheenky - Fonte: Traduzione ed adattamento a cura di Hynekeniano

Ufologia / Notizie :: I fatti di Gulf Breeze

 Nessun video o audio disponibile

 Nessuna documentazione disponibile

 Tra gli innumerevoli casi di avvistamenti UFO, fotografie, e video, bisogna citare quanto avvenne a Gulf Breeze, in Florida.

Feed RSS dei prodotti cercati
Tra gli innumerevoli casi di avvistamenti UFO, fotografie, e video, che hanno destato interesse e controversie bisogna citare quanto avvenne a Gulf Breeze, in Florida.

Gulf Breeze era una piccola città di circa 6.000 abitanti al momento dell'ondata di avvistamenti che ha avuto inizio nell'inverno del 1987.
Le notizie sugli avvistamenti si diffusero rapidamente in tutto il mondo riempiendo di articoli i giornali, le riviste, i talk show e documentari.
Anche se in parecchi avvistarono gli oggetti volanti, e scattarono foto alle luci incandescenti ciò che attirò l’attenzione fu Edward Walters, un imprenditore edile locale. Secondo Walters, gli avvistamenti iniziarono l’11 novembre 1987. Egli aveva lavorato fino a tardi quella sera, quando la sua attenzione fu attratta da una luce proveniente dal suo giardino.


Edward walters


Come si avvicinò alla finestra per poter vedere meglio di cosa si trattasse, vide un oggetto luminoso parzialmente oscurato da un albero di pino alto 30 metri nel suo cortile. Uscito fuori per rendersi conto di cosa si trattasse, vide che stava fissando un oggetto con la forma di una trottola.
Era una fila di caselle scure che sono stati separati con i portali tra di loro. L’oggetto sembrava librarsi appena sopra la strada, mostrando un anello luminoso attorno al suo fondo. Walters corse a casa sua e afferrò la sua macchina fotografica Polaroid facendo diversi scatti prima di decidere di avvicinarsi ancora di più in mezzo alla strada.
Fermatosi in strada per scattare altre foto dello strano oggetto, questo cominciò ad aleggiare quasi sopra la testa, fu poi colpito da un fascio luminoso blu partito dall'oggetto sollevandolo da terra. Fu allora che udì una voce dire: "Non ti preoccupare, non ti facciamo male".
A quel punto delle immagini cominciarono ad entrare nella sua mente.
Walters disse che le immagini si rivelarono "come se si trattasse di sfogliare le pagine di un libro". Il ricordo successivo era che svegliandosi l'UFO era sparito.
Solo pochi giorni dopo, il 17 novembre, Walters portò le fotografie e la storia al giornale locale, il "Gulf Breeze Sentinel", discutendo le foto con l'editore del giornale, e cominciando a raccontargli i dettagli del avvistamento.
In in un primo momento, per ovvie ragioni diede al giornale la foto e la storia dicendo che le erano state date da parte di un signor X:
"Bang! Qualcosa mi colpì. Avevo cercato di alzare le braccia ma non riuscivo a muovere il corpo. Essi erano blu, io ero blu, tutto era blu, ero in un fascio di luce blu. Stavo cercando di respirare, ma il mio petto non si espandeva, avevo i piedi sollevati da terra, una voce gemeva nella mia testa, "Non fatemi del male." Ho gridato. lL voce disse: "Calmati". Urlai "Mettimi giù!".
Nessun controllo, solo un odore penetrante, un i profumo di ammoniaca mescolato con cannella pesante che bruciava, bloccandomi dietro la gola. Un ronzio mi riempiva la testa. Wham! Caddi a terra e la luce blu era sparita. Il ronzio era ancora nella mia testa, ma diminuì rapidamente e scomparve".



Walters diede al giornale anche una lettera del signor X, ma il suo anonimato sarebbe stato di breve durata. Il racconto dell’avvistamento UFO crebbe come un fuoco selvaggio in Texas, cominciò ad apparire sulle riviste, e a produrre sempre più foto di insoliti oggetti volanti sopra le vicinanze di Gulf Breeze.
La sua credibilità finì incrinata, ma tutti coloro che lo conoscevano lo descrivevano come un affidabile uomo onesto, e sua moglie Frances era il suo compagno più fedele e incrollabile.
Il 20 novembre, Walters sentì ronzio e delle voci, come quelle tra individui ascoltati da lontano, uscendo fuori la sua attenzione fu attirata da un piccolo punto di luce che cadeva dal cielo che si fermò e cominciò a librarsi. Walters riuscì a fotografarlo, il ronzio sembrava indicargli che ci fosse un UFO vicino a lui.
Ed (Walters) ricevette un'altra visita il 2 dicembre, fu svegliato verso le 3:30 dal suo cane che abbaiava, aprì la porta francese e le persiane.
Stava vedendo una creatura di circa 4 metri di altezza con grandi occhi neri.
Sopraffatto dalla paura e cadde a terra sotto choc. Disse che l'essere alieno lo fissò per un attimo, e poi cominciò ad allontanarsi.
Aggiunse:
"Gli ho dato la caccia. A sinistra del portico posteriore del rifugio sono stato colpito dal fascio blu e tenuto immobile, mentre la creatura fuggiva nel campo libero alle spalle della mia casa. Appena ho potuto ho recuperato la mia macchina fotografica per scattare una foto dell’ UFO con il fascio blu sul campo. Credo che stesse recuperando la creatura che avevo visto".



Nelle prime ore del mattino del 5 dicembre, un UFO si librava sopra gli alberi nei pressi del liceo non lontano dalla casa di Ed, sino a fermarsi appena sopra la terra.
Ed fotografò l'oggetto e il punto d’atterraggio. Questo particolare sembrerebbe fornire un valido supporto a Ed per una data successiva. Egli ricorda:
"L'UFO si è spostato verso di me, ho sentito la voce dire 'non resisto ... Zehaas'".
Ed, ebbe il sostegno da parte del MUFON che avendo sentito il suo racconto avviò un'inchiesta sugli avvistamenti a Gulf Breeze. Dopo i primi rilievi e accertamenti il MUFON era convinto che ED stava dicendo la verità, e che le sue foto erano autentiche.
Walter Andrus, direttore di Stato per il Mutual UFO Network, studiò il caso per tre anni, le sue conclusioni furono:
"La prova schiacciante è a Gulf Breeze. E'infatti uno dei casi più incredibili nella storia moderna degli UFO".
Non tutti furono d'accordo con il MUFON, il Centro di Studi Ufologici (CUFOS) non aveva creduto alla storia Walters, come altri membri della comunità ufologica in generale avevano dei dubbi.
Il National Enquirer fu inizialmente interessato al caso Walters, ma prima di impegnarsi ad acquistare le foto le inviò al Dr. Robert Nathan della Nasa per analizzarle. Nathan non le certificò come autentiche e l’Enquirer smise le trattative.
William Morrow & Co., editore di Whitley Strieber ("Comunione" e "trasformazione") ha mostrato un interesse unico nel mistero di Gulf Breeze. Morrow riferì che aveva offerto a Walters $ 200.000 per un libro, inizialmente intitolato "UFO: Proof Positive" (Ufo: Prova positiva).
Quando Morrow fece analizzare le foto, ricevette un rapporto simile a quello del National Enquirer, e cambiò il titolo in “The Gulf Breeze Sightings: The Most Astounding Multiple Sightings of UFOs in U.S. History”, ("Avvistamenti a Breeze Gulf: La maggior parte degli incredibili avvistamenti multipli di UFO nella storia americana").
Walters pagò il 10% del suo avanzamento al dottor Bruce Maccabe, fisico della Marina e ricercatore da lungo tempo pro-UFO, per autenticargli la foto. L’ABC-TV ha riferito di aver pagato a riferito Walters 400 mila dollari per i diritti di una miniserie sul caso. La miniserie non è mai stata prodotta.
Il MUFON fornì a Walters speciali apparecchiature fotografiche nella speranza di escludere qualsiasi tipo di trucco e manipolazione. Una di queste apparecchiature era una macchina fotografica con quattro lenti, sigillata con la cera per eliminare manomissioni alla pellicola. Fu dato anche un impianto di misura Polaroid, per fornire agli investigatori la distanza dell'oggetto dalla fotocamera.
Walters fu dotato anche di una videocamera nella speranza di avere altri risultati oltre alle foto.
Parecchi rimanevano convinti dell’onesta di Ed, e questo atteggiamento iniziò a spargersi tra la gente. Il 18 e il 23 febbraio 1988, Ed si sottopose a due tests del poligrafo di Harvey W. McLaughlin Jr.
Walters superò entrambe i test.
Si sottopose aanche a dei test psicologici di Dan Overlade. Questi test indicarono che Ed non aveva problemi di personalità.
Ed Walters non era l'unico che avvistava UFO, altri iniziarono a riportare avvistamenti di oggetti volanti non identificati su Gulf Breeze. Più di 30 abitanti della comunità si erano fatti avanti con avvistamenti avuti in poche settimane, alcuni corredati da fotografie.
I media stavano mettendo la loro reputazione in linea, e si era indecisi su come sbilanciarsi. Arrivavano relazioni frenetiche di avvistamenti e l'area geografica si stava espandendo, e quindi si stavano elaborando i piani di azione.
L’editore associato del Journal News, Jackie Brooks, rilasciando questa dichiarazione a mezzo stampa, divenne una figura controversa se stessa:
"La credibilità del le persone che dicono di aver visto nel cielo ... sono oggetto da parte nostra di derisione, di qualche applauso e di qualche curiosità - sperando di intravedere un oggetto non identificato volare. Ma per coloro che hanno visto gli oggetti, se uno non crede negli UFO, o se gli avvistamenti sono reali, la domanda è: Che cosa hanno visto?".
Due abitanti di spicco della zona hanno detto di credere agli UFO. Uno era Arthur Hufford, un impiegato di vecchia data della Monsanto.
Brooks ha risposto così:
"Hufford è tranquillo, sobrio, impegnato, intelligente, non è tipo da visioni improbabili... Hufford è un uomo giusto che dice la verità. Egli non è certamente qualcuno che crea una storia per impressionare gli altri o per ottenere il 'carrozzone' di UFO". Prova ne è che sua moglie ha condiviso il suo avvistamento.
Brooks ha inoltre convalidato un avvistamento da parte del medico locale Dr. Fenner McConnell:
"E 'un noto buon patologo, maturo, un uomo per bene rispettato dalla comunità, un fautore dell’idoneità fisica e corridore, un uomo di famiglia devoto e uno scienziato tranquillo e pacato noto per non aver mai preso posizioni estreme o nozioni esotiche ... in altre parole, una persona da non mettere in dubbio quando lui dice di aver visto qualcosa di inspiegabile in cielo. Anche sua moglie ha visto".
Brooks disse questo riguardo ai fatti di Gulf Breeze:
"per me la conclusione è che ci sia qualcosa là fuori. Noi possiamo speculare su cosa sia, ma credenze e cose ipotetiche e possibilità hanno poco a che vedere con la realtà del fenomeno. La realtà è che qualcosa è stato osservato, ma è lontano dal poter essere spiegato, è passato nei nostri cieli…tra le speculazioni e le investigazioni, i dibattiti e i debunking, abbiamo rispettabili rapporti per gli avvistamenti ufo nella nostra zona".
I comunicati sugli ufo continuavano ad aumentare, il numero si aggirava intorno alle centinaia. A dispetto di questi fatti, un grande numero di miscredenti hanno espresso la loro opinione, dichiarando che tutta la questione era una bufala e una truffa economica. Il primo strappo nella reputazione di Walter arriva con gli elogi di Zan Overall, che scoprì che Walters possedeva la conoscenza di tecniche di doppia esposizione che potrebbero essere prese in considerazione per le sensazionali fotografie. Anche se i debunkers continuavano il loro violenti attacchi, il misterioso pubblico di Walter non aveva perso nessuna delle sue magie. Era diventato una celebrità locale, e aveva espanso la sua notorietà alle scene nazionali e globali. Fece diverse comparse in programmi televisivi conosciuti come “Usolved Mysteries” e “Hard Copy”.
Visto che abitava a Silverthorn Road fu costantemente circondato dai media e dai curiosi, Ed fuggì comprando una nuova casa. La sua prima residenza fu lasciata vuota quasi un anno prima di essere comprata da Robert Menzer. Ed, sembra abbia lasciato molte cose nella sua vecchia casa, una di queste era un modellino di ufo! che fu trovato dai nuovi residenti.
Questa informazione fu resa nell’ultima notizia del "Pensacola News journal" del 10 giugno 1990.
Nel giornale venne scritto questo riguardo a Menzer:
“Stavo andando a installare una macchina fabbrica ghiaccio,e avevo bisogno di spegnere l’acqua. Stavo armeggiando nell’attico, e stavo mettendo l’isolante quando lo vidi. Non lo avrei mai trovato se non avessi cercato la conduttura.”
“Il modellino era lungo 9 pollici lungo la parte superiore e profondo 5 pollici. Fatto di lamine di 2 - 9 pollici attaccate a lamine di 2 - 6 pollici; c'erano finestre disegnate sul modello che era coperto di carta da bozza. "
Il materiale che accompagnava il modello UFO è stato facilmente identificato come appartenente a Walters, che contattato per la ricerca, disse che avrebbe confrontato la storia e rimproverando l’evidenza disse:
"Solo un pazzo avrebbe lasciato dietro di un tale elemento di prova".
Walters affermò che il modellino era stato messo dagli scettici nella sua vecchia casa per creare discredito e per gelosia. Il materiale trovato con il modello riconduceva a lui.
Walters coinvolse persino Menzer nella cospirazione, sottolineando che Menzer non aveva mostrato il modello se non dopo tre mesi che lo aveva trovato. Solo quando un giornalista che si era presentato a casa cercando Walters (non sapendo che si era trasferito), Menzer raccontò la storia del modello.
Walters affermò inoltre di aver sventato diversi tentativi di frugare la sua immondizia, e pensò che i progetti potessero essere stati rubati e usati per creare il modello.
Walters riuscì ad evitare un collasso totale nella sua storia UFO con queste affermazioni, ma non fermò gli attacchi.
Solo una settimana dopo l'articolo del Pensacola News Journal, un altro articolo arrivò a danneggiarlo. Tom Smith Jr., si fece avanti sostenendo che avrebbe potuto distruggere completamente Walters. Smith aveva sentito parlare il Sindaco Ed Gray ed il capo della polizia Jerry Brown in modo scettico della storia di Walters.
Smith ha affermato di aver aiutato Walters nel 1987 a posizionare il modello UFO, e fare le false fotoe. Ha detto che Walters aveva preso le fotografie del modello e le ha sovra esposte con immagini del cielo e paesaggio come sfondi.
Smith è stato inoltre invitato a consegnare le foto ai giornali locali nella speranza di ottenere la loro pubblicazione. Ciò in ultima analisi, per dare più credito alle foto di Walters, che avrebbe successivamente presentato.
Smith è stato citato e disse:
"Mi voleva come testimone. Avevo un giorno per pensarci, ho parlato con Ed, gli ho detto che era un impostore, non era di certo brillante. Capisco uno scherzo, ma quando ho capito che voleva andare fino in fondo, non volevo fare del male a mio padre, ho pensato alla sua reputazione, e non volevo arrivare al centro di un caso giudiziario".
Un altro elemento si aggiungeva alle foto degli atterraggi UFO di Walters.
Smith disse che Walters saltò da un trampolino per creare una depressione nel terreno, per simulare la caduta dal raggio
Ad essere onesti, si deve ricordare che il padre di Smith era un avvocato e stava correndo contro Ed Walters al consiglio comunale al momento di queste testimonianze.
Questo evento non determinò né la fine della storia, né il crollo della credibilità Walters.
Coloro che credevano alla storia di Walters sostenevano che lo stesso Smith stava cercando di guadagnare notorietà screditando Walters. Sottolinearono che la zona di atterraggio era traccia fisica a tutti gli effetti. Nel punto di atterraggio l'erba non aveva mostrato cenni di crescita per 18 mesi, e un’ analisi del terreno fatta non mostrò cause naturali per la mancata crescita.
Smith affermò che Walters aveva creato l'effetto del raggio blu mediante la rimozione della pellicola fotografica ed esponendone una striscia piccola alla luce. Gli esperti di fotografia contestarono questa tesi, affermando che era impossibile produrre un filo sottile utilizzando il metodo descritto da Smith.
Gli stessi esperti avevano anche tentato, senza successo, di fare una doppia esposizione utilizzando una fotocamera identica a quella di Walters, una Polaroid 600 Sun.
Smith cercò di contrastare questi attacchi mostrando le sue fotografie e dicendo che Walters aveva scattato le foto degli UFO con la fotocamera di Smith, e non con la propria. Queste foto sono state quelle che Walter aveva chiesto di ritirare dai giornali, e quando Smith calò di consensi, Walters gli permise di conservare le foto.
In uno strano evolversi degli eventi, gli esperti di fotografia che esaminarono le foto degli UFO di Smith, per ironia della sorte non riuscirono a trovare alcuna traccia di doppia esposizione. Questo dimostrava che anche gli UFO fotografati da Smith era veri, anche se lui diceva che erano dei falsi.
Una foto in particolare era al centro dell’attenzione e delle controversie. In questa foto, l'oggetto in bilico getta una riflesso sulla strada sottostante.



Un fisico sostenne che i riflessi fossero una prova dell’oggetto sospeso in aria, e non provenienti dalla strada, e aggiunse che non erano corretti considerando il fondo dell’oggetto che li emetteva.
Inoltre, c'era troppa luce sulla superficie della strada, questo dipendeva dal fatto che l'oggetto era perfettamente perpendicolare alla strada stessa, e non inclinato in qualsiasi modo.
Per diversi anni, il gruppo del MUFON era rimasto dietro Walters insieme al fisico della Marina il Dr. Bruce Maccabeo. La grande quantità di critiche e polemiche indusse finalmente il MUFON, a ritirare il suo sostegno nel 1990.
Gli investigatori Rex e Carol Salisberry del MUFON rilasciarono questa dichiarazione:
"Siamo convinti che gli UFO esistono. Siamo entrati in questa inchiesta con una naturale e favorevole predisposizione verso il caso Walters, ma la nostra indagine e le analisi portano alla conclusione che molte, se non tutte le foto sono probabili falsi allarmi".
Anche se Ed Walters era il centro degli avvistamenti di Gulf Breeze, non era di certo il solo. Si stima che oltre 200 cittadini si sono fatti avanti con avvistamenti e/o fotografie durante un periodo di tre anni.
Erano semplicemente coinvolti nell’isteria delle foto di Walters, o agivano inpendentemente?
Non sapremo mai la risposta a questa domanda, ma ogni caso deve essere giudicato in maniera indipendente.
Qui di seguito trovate altre foto scattate durante questa ondata di avvistamenti UFO.


Art Hufford (MUFON) catturò questa immagine
in un video di fronte a decine di testimoni



Bland Pugh scattò questa foto nel 1993
(è stata contrastata al pc)



Bland Pugh scatto questa foto nel 1996


Nello sforzo di trovare una risposta alla controversia dei misteri di Gulf Breeze, un gruppo di locali si unì alla ricerca nel 1990. Nel primo mese dell’operazione, il gruppo aveva già riportato un avvistamento di un UFO brillante con luci rosse, che si muoveva in modo irregolare attraverso i cieli finchè finalmente scomparì.
Il gruppo riportò l’avvistamento di altri UFO nel mese seguente. Nonostante ancora le immagini di Ed Walters fossero il culmine delle ondate di ufo del 1987-1990, ci furono anche video che registrarono oggetti sconosciuti, e non tutti erano fatti da Walters.
Gli avvistamenti di Gulf Breeze sono ancora oggi discussi, anche se la maggioranza degli investigatori definiscono le foto di Walter come bufale. Quest’area in Florida è ancora oggi considerata un punto caldo per l’attività degli ufo, e così le controversie continuano.

“Fui visitato da ufficiali dell’Air Force, da un dipartimento che poi negò di esistere. Ci saranno sempre persone che sceglieranno di non credere, nonostante l‘evidenza. Alcuni semplicemente si rifiutano di accettare che gli UFO esistono,così in ultima analisi mi bollano come un racconta bufale” (Ed Walters)
 
Condividi
Torna ad inizio pagina 
Novità di oggi  Feed RSS di questa vetrina
Nessun articolo disponibile

UFO    |    Ricerche    |    UFO Forum    |    Eventi    |    Contatti    |    Disclaimer    |    Privacy