Headlines :: Dettaglio Articolo

Log in
  • Login
  • Password
  • Hai dimenticato la tua password?
Ufo Magazine
Dalla rete
Servizi
Statistiche

Utenti online

  • 263 anonimi, nessuno registrato.
  • Ci sono 166 iscritti in totale.
Eva Group
Autore
Nessuna anagrafica disponibile
Links sponsorizzati
Articoli correlati
Nessun articolo correlato
Links correlati
Nessun links correlato
Prodotti correlati
Nessun prodotto correlato
Informazioni

Strumenti

Statistiche

  • Letto: 1508
  • Segnalato: 0
  • Giudizi e voti

    Vota!

Articolo Modifica articolo
Sei in: UFO PLANET (841)  Non solo UFO (542)  Astronomia e scienza (203)

Ma quanta acqua c'è davvero sulla Luna?

29 Maggio 2011 03.48 - Di: Sheenky - Fonte: Ufoonline

Non solo UFO / Astronomia e scienza :: Ma quanta acqua c'è davvero sulla Luna?

 Nessun video o audio disponibile

 Nessuna documentazione disponibile

 Parlare dell'acqua sulla Luna alcuni anni fa era rischioso. Eppure da alcuni anni le evidenza scientifiche arrivano puntali

Feed RSS dei prodotti cercati
Parlare dell'acqua sulla Luna alcuni anni fa era rischioso, si veniva trattati da paranoici e sognatori. Eppure da alcuni anni le evidenza scientifiche arrivano puntali. A tre anni di distanza dal clamoroso annuncio della Nasa che stabiliva una volta per tutte la presenza del prezioso liquido sul nostro satellite, lo stesso gruppo di ricercatori pubblica su Science nuovi dati. In sostanza alcune parti dell'interno della Luna contengono altrettanta acqua di quella presente nel mantello superiore della Terra, 100 volte di più di quanta ne fosse stata misurata in studi precedenti. Secondo questa scoperta quindi, il ghiaccio presente nei crateri della superficie lunare non sarebbero stati depositati da comete o meteoriti di passaggio, ma si sarebbe formato in seguito ad eruzioni vulcaniche di magma. Questa scoperta rafforzerebbe l'ipotesi che la Terra e la Luna hanno un'origine in comune. Ed è anche un esempio di come ancora poco conosciamo il nostro satellite, acqua "lunare" compresa.

Autori dello studio sono i geologi della Brown University (Providence, Usa) e della Carnegie Institution di Washington, che per anni hanno analizzato i campioni di suolo lunare riportati dalla missione Apollo 17 della Nasa. Le loro conclusioni arrivano dall’analisi delle cosiddette inclusioni fuse, ovvero piccole bolle di roccia fusa intrappolate all'interno di cristalli nelle rocce prodotte dalle colate laviche. Si tratta quindi di campioni di magma che, non avendo subito gli effetti delle alte temperature, conservano ancora   tutte le sostanze volatili - tra cui l'acqua - alle stesse concentrazioni in cui si trovano nel mantello lunare.

Osservare queste pietre, formatesi con le eruzioni vulcaniche di circa tre miliardi di anni fa, è come guardare direttamente l'interno della Luna. I geologi hanno analizzato i cristalli con una microsonda ionica, uno strumento che determina la composizione chimica dei minerali, rilevando elementi presenti anche solo in tracce. Una volta misurata la concentrazione di acqua, gli scienziati sono riusciti a stimare la quantità del liquido presente nel mantello. E, sorpresa, i risultati dicono che potrebbe essere compresa tra 615 e 1410 ppm (parti per milione): cifre paragonabili a quelle del mantello terrestre (500-1000 ppm), e superiori di circa cento volte rispetto alle stime precedenti.

“Nel 2008 avevamo stabilito che il contenuto di acqua nel magma lunare avrebbe dovuto essere simile a quello della lava proveniente dal mantello superiore della Terra. Ora abbiamo provato che è realmente così”, ha detto Alberto E. Saal, tra gli autori dello studio. Tuttavia i ricercatori invitano alla cautela: questi dati non significano che la Luna sia davvero piena d'acqua, ma solo che vi sono dei luoghi in cui è più abbondante. Punto fondamentale, questo, perché altrimenti verrebbe a cadere la teoria più accreditata sull'origine della Luna, secondo cui il satellite sarebbe un frammento della Terra, sbalzato lontano dal pianeta quattro miliardi di anni fa, in seguito all'impatto con un oggetto di dimensioni simili a quelle di Marte. Un evento di tali proporzioni, infatti, avrebbe fatto evaporare tutta l'acqua presente sulla Luna. “Se tutta la Luna presentasse una quantità d'acqua equivalente a quella che abbiamo analizzato, allora la teoria dell'impatto gigante sarebbe compromessa. Come quest'acqua sia poi arrivata sul satellite, è un problema del tutto aperto”, ha concluso Saal.
 
Condividi
Torna ad inizio pagina 
Novità di oggi  Feed RSS di questa vetrina
Nessun articolo disponibile

UFO    |    Ricerche    |    UFO Forum    |    Eventi    |    Contatti    |    Disclaimer    |    Privacy