Headlines :: Dettaglio Articolo

Log in
  • Login
  • Password
  • Hai dimenticato la tua password?
Ufo Magazine
Dalla rete
Servizi
Statistiche

Utenti online

  • 35 anonimi, nessuno registrato.
  • Ci sono 166 iscritti in totale.
Eva Group
Autore
Nessuna anagrafica disponibile
Links sponsorizzati
Articoli correlati
Nessun articolo correlato
Links correlati
Nessun links correlato
Prodotti correlati
Nessun prodotto correlato
Informazioni

Strumenti

Statistiche

  • Letto: 3143
  • Segnalato: 0
  • Giudizi e voti

    Vota!

Articolo Modifica articolo
Sei in: UFO PLANET (841)  Ufologia (298)  Notizie (249)

Microchip nella testa di Napoleone? Ma per favore...

6 Luglio 2011 02.55 - Di: Sheenky - Fonte: Ufoonline

Ufologia / Notizie :: Microchip nella testa di Napoleone? Ma per favore...

 Nessun video o audio disponibile

 Nessuna documentazione disponibile

 Niente chip, niente controllo mentale e niente alieni nella testa del piccolo francese.

Feed RSS dei prodotti cercati
"Durante le analisi dei resti mortali di Napoleone Bonaparte gli scienziati sono rimasti sconcertati dal ritrovamento di un microchip lungo poco più di un centimetro incastonato nel cranio".

Recita così un comunicato rimbalzato su molti siti italiani, e oggi onnipresente nella rete. Peccato che la notizia sia molto vecchia, già nel 2009 appariva identica in molti lanci d'agenzia. Il giornale colombiano El Tiempo nel parlava già l'anno scorso. La scoperta sarebbe stata fatta dal dottor Andre Dubois durante lo studio dello scheletro riesumato di Napoleone per conto del governo francese con tanto di finanziamento di 100.000 euro. Un'operazione storico scientifica da urlo se venisse confermata, ma i facili entusiasmi sono destinati a finire. Cosa c'è di vero? Niente naturalmente.
Prima di tutto nessun programma francese di riesumazione del corpo di Napoleone risulta negli archivi dell'istituto francese che si occupa di controllarne gli aspetti. Inoltre il finanziamento citato prima non è mai stato erogato. L'unico vero studio su Napoleone e i misteri che lo circondano è italiano e riguarda i sui   capelli. Infatti, grazie alla riesumazione di altri corpi dell’epoca, si è confrontato con un’analisi chimica, la differenza di composizione delle persone nostre contemporanee con quelle che vivevano nell’800. La differenza sarebbe dovuta alla quantita’ della sostanza ingerite o respirate all’epoca, le quali sarebbero state di gran lunga in dosi piu’ elevate rispetto a quanto accade invece adesso.
Cosi’ si è certificato che Napoleone non fu mai avvelenato con l’arsenico, ma semplicemente mori’ per cause naturali, il tumore allo stomaco. La ricerca è stato pubblicata sulla rivista di prestigio “Il Nuovo Saggiatore” grazie al materiale che e’ stato reso disponibile dai musei Glauco-Lombardi di Parma, e dalla Malmaison di Parigi e il Museo Napoleonico di Roma. La differenza con la notizia vecchia e riesumata di oggi è che non esiste nessuna pubblicazione scientifica del microchip nel cranio del condottiero Corso.
I resti di Napoleone si trovano nella Chiesa di Saint-Louis des Invalides, dove riposava in Uniforme, con la Spada ed il Mantello indossati durante la Battaglia di Marengo, tuttavia quello che rimane del suo corpo è cenere, visto che sono passati diversi secoli dalla sua morte e non era stata applicata nessuna forma di mummificazione o di particolari metodi di conservazione della salma. Quindi la storia del chip è pradossale. Soprattuto per un altro motivo, il corpo fu riesumato esclusivamente dopo 20 anni dalla sua morte, ovvero quando il processo di decomposizione non si era ancora concluso. A oltre duecento anni dalla sua morte non è mai stato toccato dalla tomba, ne dal dottor Dubois ne da altri sedicenti medici.

Niente chip, niente controllo mentale e niente alieni nella testa del piccolo francese.
 
Condividi
Torna ad inizio pagina 
Novità di oggi  Feed RSS di questa vetrina
Nessun articolo disponibile

UFO    |    Ricerche    |    UFO Forum    |    Eventi    |    Contatti    |    Disclaimer    |    Privacy