Headlines :: Dettaglio Articolo

Log in
  • Login
  • Password
  • Hai dimenticato la tua password?
Ufo Magazine
Dalla rete
Servizi
Statistiche

Utenti online

  • 40 anonimi, nessuno registrato.
  • Ci sono 166 iscritti in totale.
Eva Group
Autore
Nessuna anagrafica disponibile
Links sponsorizzati
Articoli correlati
Nessun articolo correlato
Links correlati
Nessun links correlato
Prodotti correlati
Nessun prodotto correlato
Informazioni

Strumenti

Statistiche

  • Letto: 2310
  • Segnalato: 0
  • Giudizi e voti

    Vota!

Articolo Modifica articolo
Sei in: UFO PLANET (841)  Non solo UFO (542)  Astronomia e scienza (203)

Paul Davies: "Forse non c'è vita fuori dalla Terra"

7 Dicembre 2011 03.47 - Di: Sheenky - Fonte: Centro Ufologico Ionico

Non solo UFO / Astronomia e scienza :: Paul Davies: "Forse non c'è vita fuori dalla Terra"

 Nessun video o audio disponibile

 Nessuna documentazione disponibile

 Se mai gli extraterrestri "telefonassero" alla Terra, Paul Davies sarebbe il primo a rispondere.

Feed RSS dei prodotti cercati
Se mai gli extraterrestri "telefonassero" alla Terra, l'astrobiologo Paul Davies sarebbe il primo a rispondere. Lo scienziato della Università dell'Arizona (USA) dirige un Gruppo di Risposta del progetto SETI (Search for Extraterrestrial Intelligence), un organizzazione che da 51 anni ricerca la vita fuori la Terra attraverso varie iniziative internazionali.
Davies è uno dei ricercatori che ha partecipato al "Congresso Internazionale del Futuro: scienza, tecnologia, umanità e cittadinanza", organizzato dal Congresso del Cile nell'ambito delle attività per le celebrazioni del suo bicentenario.
Gran parte delle ricerche di Davies si riflettono nei suoi 27 libri, incluso il suo scetticismo sulla possibilità d'incontrare vita fuori dal pianeta Terra. "Non abbiamo nessuna prova. Forse non esiste vita fuori la Terra. Non abbiamo nemmeno idea su come apparve sul nostro pianeta", dice Davies.
Secondo l'astrobiologo, la distanza con potenziali mondi abitati e il tipo di segnale che invieranno sono le principiali difficoltà per trovare prove dell'esistenza di vita. "Tutti noi che lavoriamo in questo settore, riteniamo che le possibilità di captare un messaggio sono estremamente basse. E' molto più probabile trovare un segnale o una immagine che non possa essere spiegata".
Che cosa succede se andiamo alla ricerca di vita? "Se esiste, entra in gioco un altro problema: nessuno la sta cercando", ha affermato Davies, riferendosi alle ultime sonde che le agenzie spaziali inviati su pianeti, come ad esempio Marte. "Abbiamo bisogno di un cambiamento di strategia. Stiamo mandando sonde su Marte (Curiosity), però senza la capacità di effettuare esperimenti biologici", critica Davies.
Davies ha aggiunto che l'ultima volta che si cercarono evidenze biologiche fu negli anni 70 del secolo scorso, con la sonda Viking della NASA. Dopo di che, "il nulla".
Per l'esperto la nostra migliore possibilità sarebbe quella di "cercare pianeti molto simili alla Terra. In pochi decenni avremo strumenti che potranno misurare l'atmosfera di questi corpi", per determinare l'abitabilità del luogo.
Davies fu uno degli autori dello studio inerente la scoperta di un batterio nel lago Mono, in California, che può rimpiazzare il fosforo (fondamentale per la vita) in arsenico. "E' ancora un mistero", conclude Davies.

Traduzione a cura di Antonio De Comite
 
Condividi
Torna ad inizio pagina 
Novità di oggi  Feed RSS di questa vetrina
Nessun articolo disponibile

UFO    |    Ricerche    |    UFO Forum    |    Eventi    |    Contatti    |    Disclaimer    |    Privacy