Headlines :: Dettaglio Articolo

Log in
  • Login
  • Password
  • Hai dimenticato la tua password?
Ufo Magazine
Dalla rete
Servizi
Statistiche

Utenti online

  • 78 anonimi, nessuno registrato.
  • Ci sono 166 iscritti in totale.
Eva Group
Autore
Nessuna anagrafica disponibile
Links sponsorizzati
Articoli correlati
Nessun articolo correlato
Links correlati
Nessun links correlato
Prodotti correlati
Nessun prodotto correlato
Informazioni

Strumenti

Statistiche

  • Letto: 1605
  • Segnalato: 0
  • Giudizi e voti

    Vota!

Articolo Modifica articolo
Sei in: UFO PLANET (842)  Ufologia (299)  Notizie (249)

INTERVISTA A KARLA TURNER

19 Marzo 2012 02.56 - Di: Sheenky - Fonte: Ufologando

Ufologia / Notizie :: INTERVISTA A KARLA TURNER

 Nessun video o audio disponibile

 Nessuna documentazione disponibile

 Intervista a Karla Turner
Abduction, realtà virtuali e visioni

Feed RSS dei prodotti cercati
Proponiamo oggi un'intervista di qualche anno fa alla ricercatrice ufologica Karla Turner.
Personalmente ritengo che certe tematiche siano da analizzare con gran distacco, ma sono comunque argomenti che facenti parte dell'ufologia più "astratta" devono essere conosciuti.
In questa maniera ognuno può decidere che idea farsi in merito.
Quindi, non mi rimane che augurarvi buona lettura.


Durante il convegno del MUFON ad Austin lei ha fatto delle considerazioni circa la connessione di incontri con gli alieni negli anni 60 e la "cultura" di allora. Potrebbe spiegarci meglio?

Sono convinta che negli anni '60, le sostanze psichedeliche e più in particolare la marijuana, hanno introdotto nella nostra generazione e in quelle successive nuove percezioni che potrebbero servirci in maniera benefica. Se tutto questo era già stato progettato per essere introdotto nella storia, non saprei dirlo.
Potrebbe anche essere che questi farmaci abbiano scatenato un movimento di trasformazione nella nostra evoluzione, o perlomeno nella nostra evoluzione psichica, e che questa trasformazione porterà in gioco nuove abilità. Come se improvvisamente avessimo la capacità di percepire uno spettro ottico supplementare. Potremmo percepire energie aggiuntive di vario genere che in precedenza erano inosservate.
Non ho sviluppato questi pensieri in alcun modo formale ancora, ma istintivamente ho sentito tutto questo per anni, da quando per la prima volta negli anni 70, una frase è entrata nella mia testa: '' dopo di noi, i mutanti''.

Potrebbe esporci la vostra idea di quello che lei definisce realtà virtuale?

Uno scenario di questo tipo è presentato in maniera completa in "Masquerade of angels". Penso che molto di ciò che i rapiti hanno ricordato, fossero dei ricordi indotti (una specie di realtà virtuale), ma senza indagini specifiche sarebbe sciocco per me tirare ad indovinare. Anche l'esperienza di Giacobbe e Esaù, di cui parlai in passato, penso fosse una realtà virtuale. Penso che possa venire attivata con degli impianti alieni che sono nel tronco cerebrale e quindi in grado di controllare tutta la nostra gamma di percezioni e delle azioni. Sareste sorpresi di scoprire tutto ciò che il tronco cerebrale controlla nel corpo umano, e credo sia questa la ragione perché gli impianti si trovano in questa particolare zona del corpo.

Qual è l'ipotesi migliore tenendo conto di tutti dati e casi che ha analizzato?

Ho discusso un'ipotesi molto interessante per spiegare i vari dati con Greg Bishop, che ha incluso l'intervista con me nell'ultimo numero di Excluded Middle.
Fondamentalmente siamo una risorsa importante per gli alieni, per vari motivi, tra cui la nostra energia, la nostra anima e il nostro fisico. Se c'è davvero qualche minaccia imminente per la nostra sopravvivenza e quella del pianeta, allora sicuramente gli alieni starebbero lavorando furiosamente per garantire in qualche modo la sopravvivenza delle loro azioni e quindi anche la nostra. E se gli esseri umani, sono in effetti nel processo di sviluppo di nuove capacità percettive, che consentono loro di vedere le attività aliene più chiaramente di prima, questo rappresenterebbe per gli alieni una situazione complicata che potrebbe spingerli a tentare di riportarci in uno stato di non - percezione.

Quali altre esperienze psichiche, anomale, paranormali, metafisiche hai sperimentato?

Ho avuto diverse esperienze paranormali che non sembrano avere niente a che fare con gli alieni. Tra queste ci sono visioni di eventi che avverranno. La prima visione si è verificato tre volte, nei sogni per tre notti di fila, e si è compiuta il quarto giorno. è una storia molto personale, non vi annoierò con i dettagli, ma c'era un'altra persona e quando parlai con lui al quarto giorno mi raccontò una visione pressoché identica da parte sua. Una seconda visione la ebbi verso le quattro del mattino, mentre ero seduta sul mio letto cercando di decidere se riaddormentarmi o no, sapendo che alle sei avrei dovuto alzarmi. Qualcuno bussò alla mia porta e quando io risposi, un giovane era lì. Io non lo conoscevo, ma lui ha detto che il suo nome era Jim e che era venuto per portarmi in India. Sono andato con lui, e abbiamo volato su un aereo per l'India. Poi mi ha portato con una jeep in campagna e mi mostrò un grande villaggio. Egli mi mostrò la mia futura casa, e mi spiegò come tutto dentro funzionava. Non c'era niente di tutto quello che c'era nelle case americane. Niente acqua corrente, niente cucina, niente elettricità, senza frigo, ecc... poi Jim mi portò a casa.
Mi resi conto improvvisamente che erano le sei del mattino e io ancora seduta sul letto. Ho pensato che potesse essere stato un sogno bizzarro mentre ero seduta. Il mese successivo sono andato con mio figlio in India per incontrare il mio fidanzato a Bangalore. Quando siamo arrivati, però, il mio fidanzato non c'era. C'è voluto quasi un giorno intero per trovare un posto dove stare, e alla fine trovai un ragazzo che conosceva il mio fidanzato, ma non sapeva dove si trovava in quel momento. Conosceva però il villaggio dove viveva, ma non era mai stato casa sua. Egli si offrì di prendere me e mio figlio a casa con lui fino a quando non sarebbe riuscito a trovarlo. Così sono andato con lui carico i miei bagagli nella Jeep e partimmo verso la campagna. Un'ora più tardi avvicinandoci al villaggio, lo riconobbi come quello che avevo visto in sogno. Allora guidai fino a casa che ricordavo senza problemi. Era luchettata e nessuno rispondeva alla porta, ma l'ho convinto a rompere il lucchetto, siamo entrati e abbiamo trovato alcune mie foto. Quindi era la casa del mio fidanzato. Ho soggiornato per cinque giorni prima che lui arrivasse. Pensava che stessi volando verso Delhi ed è stato tutto il tempo la ad attendermi. Se nel sogno, il ragazzo non mi avesse mostrato come far funzionare le cose in questa casa, sarebbe stato molto difficile per me e mio figlio sopravvivere nel frattempo.

E' vero che il tuo prossimo libro riguarderà gli angeli?

Il mio nuovo libro, "Masquerade of angels", è la storia di Ted Rice, un noto psichico del sud, e le sue esperienze avute con gli UFO e alieni che hanno portato alla scoperta di una serie di eventi paranormali a cui lui era stato testimone. Penso che il titolo la dice lunga, sugli inganni degli alieni impiegati su di lui, e la storia dovrebbe servire come campanello d'allarme per tutti quei seguaci della New Age.
 
Condividi
Torna ad inizio pagina 
Novità di oggi  Feed RSS di questa vetrina
Nessun articolo disponibile

UFO    |    Ricerche    |    UFO Forum    |    Eventi    |    Contatti    |    Disclaimer    |    Privacy