Headlines :: Dettaglio Articolo

Log in
  • Login
  • Password
  • Hai dimenticato la tua password?
Ufo Magazine
Dalla rete
Servizi
Statistiche

Utenti online

  • 66 anonimi, nessuno registrato.
  • Ci sono 166 iscritti in totale.
Eva Group
Autore
Nessuna anagrafica disponibile
Links sponsorizzati
Articoli correlati
Nessun articolo correlato
Links correlati
Nessun links correlato
Prodotti correlati
Nessun prodotto correlato
Informazioni

Strumenti

Statistiche

  • Letto: 1509
  • Segnalato: 0
  • Giudizi e voti

    Vota!

Articolo Modifica articolo
Sei in: UFO PLANET (842)  Non solo UFO (542)  Astronomia e scienza (203)

UNA RADIAZIONE INSOLITA DAL CENTRO DELLA VIA LATTEA

13 Settembre 2012 12.29 - Di: Sheenky

Non solo UFO / Astronomia e scienza :: UNA RADIAZIONE INSOLITA DAL CENTRO DELLA VIA LATTEA

 Nessun video o audio disponibile

 Nessuna documentazione disponibile

 L’Universo è composto essenzialmente di materia invisibile

Feed RSS dei prodotti cercati
Articolo di Corrado Ruscica
Fonte: http://astronomicamens.wordpress.com/2012/09/11/una-radiazione-insolita-dal-centro-della-via-lattea/

L’Universo è composto essenzialmente di materia invisibile, l’enigmatica materia scura che rappresenta oltre l’80% della materia presente nello spazio, distribuita tra le galassie e tra le stelle che formano una galassia. Da oltre 70 anni, gli scienziati stanno tentando di capire la sua vera natura e svelare così i suoi segreti ma oggi, grazie alla missione del satellite Planck, alcuni ricercatori del Niels Bohr Institute potrebbero essere vicini alla soluzione del mistero.

Il satellite Planck, che fu lanciato nel 2009, è dotato di strumenti estremamente sensibili che sono in grado di mappare con una precisione elevata la radiazione cosmica di fondo. Gli ultimi dati hanno messo in evidenza la presenza di una radiazione insolita associata alle regioni centrali della nostra galassia che apre una nuova finestra verso la comprensione delle proprietà fondamentali dello spazio, del tempo e della materia. “Abbiamo osservato una emissione radio unica proveniente dal centro della Via Lattea. Utilizzando metodi diversi per separare il segnale nelle varie bande dello spettro elettromagnetico, siamo stati in grado di derivare lo spettro della radiazione. La radiazione è di tipo sincrotrone, cioè protoni ed elettroni che vengono accelerati dalle linee di forza del campo magnetico galattico, e ci sono forti indicazioni che potrebbe essere associata alla materia scura” spiega Pavel Naselsky, professore di cosmologia presso il Discovery Center dell’Istituto Niels Bohr dell’Università di Copenhagen. Alcuni scienziati, come il professor Subir Sarkar hanno calcolato che la materia scura potrebbe essere costituita da particelle molto pesanti, almeno 10 volte più pesanti rispetto alla massa del bosone di Higgs, cioè 1000 volte più pesante di un protone. Queste particelle hanno proprietà uniche e non interagiscono con le particelle che formano la materia ordinaria, non solo ma le particelle della materia scura non interagiscono nemmeno tra loro. “Sappiamo, in via teorica, che la concentrazione di particelle candidate per costituire la materia scura attorno ai nuclei delle galassie è molto elevata, perciò siamo certi che lì possono collidere dando luogo alla produzione di protoni ed elettroni.

Queste ultime particelle iniziano a ruotare attorno alle linee di forza del campo magnetico galattico e così facendo producono questa insolita radiazione di sincrotrone”. E’ stato impossibile osservarla prima dato che gli strumenti che avevamo a disposizione non erano così sensibili e ora, grazie a Planck, siamo stati in grado di osservare questa enorme ed insolita radiazione di sincrotrone. C’è da dire, infine, che questa radiazione non può essere interpretata in termini di particolari meccanismi nel centro della galassia né da esplosioni di supernovae. “Forse si tratta di una prova dell’esistenza di materia scura altrimenti avremmo scoperto un nuovo e sconosciuto meccanismo di accelerazione di particelle nel centro della galassia” conclude Naselsky.

Documento scientifico "Planck Intermediate Results. IX. Detection of the Galactic haze with Planck": http://arxiv.org/pdf/1208.5483v1.pdf
 
Condividi
Torna ad inizio pagina 
Novità di oggi  Feed RSS di questa vetrina
Nessun articolo disponibile

UFO    |    Ricerche    |    UFO Forum    |    Eventi    |    Contatti    |    Disclaimer    |    Privacy