Headlines :: Dettaglio Articolo

Log in
  • Login
  • Password
  • Hai dimenticato la tua password?
Ufo Magazine
Dalla rete
Servizi
Statistiche

Utenti online

  • 22 anonimi, nessuno registrato.
  • Ci sono 166 iscritti in totale.
Eva Group
Autore

EVA Project Leader

Links sponsorizzati
Articoli correlati
Nessun articolo correlato
Links correlati
Nessun links correlato
Prodotti correlati
Nessun prodotto correlato
Informazioni

Strumenti

Statistiche

  • Letto: 13192
  • Segnalato: 1
  • Giudizi e voti

    Vota!

Articolo Modifica articolo
Sei in: UFO PLANET (842)  Non solo UFO (542)  Studi di ricercatori indipendenti (95)  Paolo Brega (62)

LA FABBRICA DI SCHIAVI

28 Gennaio 2013 07.31 - Di: manight

Non solo UFO / Paolo Brega :: LA FABBRICA DI SCHIAVI

 Nessun video o audio disponibile

 Nessuna documentazione disponibile

 di Paolo Brega

Feed RSS dei prodotti cercati
Pagina 1 (di 7)
Le terribili immagini portate all’attenzione del mondo con l’apertura dei campi di concentramento nazisti durante la seconda guerra mondiale, oltre ai tragici numeri relativi all’Olocausto di milioni di ebrei e altre minoranze, conservano tra i loro orrori anche gli indicibili esperimenti medici perpetrati dai medici nazisti sulle cavie umane che la ‘soluzione finale’ consegnava loro.
Ma mentre la denuncia e la condanna dei crimini di guerra legati allo sterminio degli ebrei sono stati negli anni mantenuti nella memoria collettiva anche attraverso opere cinematografiche di un certo rilievo, le oscure vicende legate agli esperimenti scientifici e ai risultati conseguiti passarono, forse volutamente, in secondo piano.
Durante la Seconda guerra mondiale, in alcuni campi di concentramento nazisti, venne effettuata sperimentazione umana usando come cavie i deportati. Tali esperimenti sono stati ritenuti crudeli, al pari di quelli operati nello stesso periodo dall'Unità 731 dell'esercito giapponese, e per questo medici e amministratori coinvolti furono condannati per crimini contro l'umanità in alcuni Processi secondari di Norimberga. I fini dichiarati erano in molti casi quello di verificare la resistenza umana in condizioni estreme o di sperimentare dei vaccini, ma in alcuni casi i fini non sono riconducibili ad altro che alla perversione del personale medico.
Si registrarono casi di esperimenti di decompressione per il salvataggio da grande altezza, esperimenti di congelamento/raffreddamento prolungato, esperimenti di sterilizzazione e le ricerche sui gemelli monozigotici; Gli esperimenti erano condotti da Josef Mengele, ad Auschwitz e Birkenau. Le ricerche partivano da misurazioni meticolose e assolutamente precise di comparazione fra i gemelli (che erano di ogni nazionalità, ma soprattutto ungheresi, senza distinzione di sesso, età o altro dato genetico se non l’essere gemelli). Dopo aver misurato e indagato ogni singolo centimetro del corpo dei gemelli, appurate le eventuali differenze fra fratelli, i soggetti venivano addormentati con un’iniezione di Evipan sul braccio e poi uccisi con un’iniezione di cloroformio fatta personalmente da Mengele direttamente nel cuore. I corpi venivano a questo punto sezionati e studiati dall’interno. Pare che il 15% dei gemelli esaminati sia stato ucciso in questo modo o durante qualche operazione chirurgica.
Josef Mengele (Günzburg, 16 marzo 1911 – Bertioga, 7 febbraio 1979) è stato un medico nazista ed ufficiale delle SS tedesco. Laureato in antropologia all'Università Ludwig Maximilian di Monaco di Baviera e in medicina alla Johann Wolfgang Goethe-Universität di Francoforte, è tristemente noto per i crudeli esperimenti medici e di eugenetica che svolse, usando come cavie umane i deportati, anche bambini, del campo di concentramento di Auschwitz.

Josef Mengele nel 1935 a sinistra e in una foto segnaletica del 1956 a destra

Pagina successiva Pagina successiva 
Condividi
Torna ad inizio pagina 
Pagina 1 (di 7)
      Pagina successiva   2 3 4 5 6 7 Ultima pagina
Novità di oggi  Feed RSS di questa vetrina
Nessun articolo disponibile

UFO    |    Ricerche    |    UFO Forum    |    Eventi    |    Contatti    |    Disclaimer    |    Privacy