Headlines :: Dettaglio Articolo

Log in
  • Login
  • Password
  • Hai dimenticato la tua password?
Ufo Magazine
Dalla rete
Servizi
Statistiche

Utenti online

  • 60 anonimi, nessuno registrato.
  • Ci sono 166 iscritti in totale.
Eva Group
Autore
Nessuna anagrafica disponibile
Links sponsorizzati
Articoli correlati
Nessun articolo correlato
Links correlati
Nessun links correlato
Prodotti correlati
Nessun prodotto correlato
Informazioni

Strumenti

Statistiche

  • Letto: 5480
  • Segnalato: 0
  • Giudizi e voti

    Vota!

Articolo Modifica articolo
Sei in: UFO PLANET (842)  Non solo UFO (542)  Studi di ricercatori indipendenti (95)  Paolo Brega (62)

MALACHIA E RATZINGER: L'ARRIVO DELL'ARMAGEDDON

20 Marzo 2013 01.40 - Di: Sheenky

Non solo UFO / Paolo Brega :: MALACHIA E RATZINGER: L'ARRIVO DELL'ARMAGEDDON

 Nessun video o audio disponibile

 Nessuna documentazione disponibile

 La profezia sul 112º papa, Petrus Romanus, presagisce la fine della Chiesa dopo l'ascesa al soglio pontificio dell'ultimo Papa

Feed RSS dei prodotti cercati
Articolo di Paolo Brega

La prima volta che lessi la Profezia di Malachia era Giovanni Paolo II a sedere sul soglio pontificio e rimasi immediatamente colpito dalla corrispondenza delle descrizioni che il vescovo irlandese aveva fatto agli inizi del 1100, in particolar modo riguardo ai papi dei nostri tempi, a partire da quel "de medietate luna" attribuito a Giovanni Paolo I, morto appunto dopo "circa il tempo di una luna" in circostanze mai del tutto chiarite.


San Malachia

Ovviamente la mia curiosità si concentrò immediatamente sulla conclusione della suddetta profezia, che riporto di seguito con allegata traduzione.
In persecutione extrema Sanctae Romanae Ecclesiae sedebit Petrus Romanus, qui pascet oves in multis tribulationibus; quibus transactis, civitas septicollis diruetur, et Judex tremendus iudicabit populum suum. Finis.
Traduzione: Durante l'ultima persecuzione della Santa Romana Chiesa siederà Pietro il Romano, che pascerà il gregge fra molte tribolazioni; passate queste, la città dei sette colli cadrà ed il tremendo Giudice giudicherà il suo popolo. Amen.
La profezia sul 112º papa, Petrus Romanus, presagisce la fine della Chiesa e la distruzione di Roma dopo l'ascesa al soglio pontificio dell'ultimo papa.
Un'ipotesi recente lascia pensare che Pietro Romano non sia riferito a un Papa, bensì al Cardinal Camerlengo che, alla morte del pontefice regnante, siede sul trono di Pietro in attesa dell'elezione del successivo. Da notare che l'attuale Camerlengo è il Card. Tarcisio Pietro Evasio Bertone, nato a Romano Canavese nel 1934. Dunque la strana coincidenza che nel suo nome completo sia contenuta la parola Pietro e nella sua località di nascita ci sia la parola Romano.
Il giorno 11/02/2013, in modo del tutto inaspettato e improvviso, Papa Benedetto XVI, il 111° secondo la profezia di Malachia annuncia le sue dimissioni dal soglio pontificio a partire dal 28/02/2013, catapultandoci di fatto nel cuore della realizzazione della profezia di Malachia.
Papa Benedetto XVI, nato Joseph Aloisius Ratzinger è dal 19 aprile 2005 il vescovo di Roma e il 265º papa della Chiesa cattolica.


Ratzinger

Leggiamo:
"Carissimi Fratelli - ha detto il Papa ai cardinali che non si aspettavano un tale annuncio - vi ho convocati a questo Concistoro non solo per le tre canonizzazioni, ma anche per comunicarvi una decisione di grande importanza per la vita della Chiesa. Dopo aver ripetutamente esaminato la mia coscienza davanti a Dio, sono pervenuto alla certezza che le mie forze, per l’età avanzata (85 anni ndr), non sono più adatte per esercitare in modo adeguato il ministero petrino".
"Sono ben consapevole - ha aggiunto - che questo ministero, per la sua essenza spirituale, deve essere compiuto non solo con le opere e con le parole, ma non meno soffrendo e pregando. Tuttavia, nel mondo di oggi, soggetto a rapidi mutamenti e agitato da questioni di grande rilevanza per la vita della fede, per governare la barca di san Pietro e annunciare il Vangelo, è necessario anche il vigore sia del corpo, sia dell’animo, vigore che, negli ultimi mesi, in me è diminuito in modo tale da dover riconoscere la mia incapacità di amministrare bene il ministero a me affidato”.
Ufficialmente Ratzinger si dimette quindi per questioni di salute, ma è indubbio che la sua decisione in un momento come questo lascia molti perplessi e l'intero assetto geo-politico del mondo occidentale in una situazione di attesa.
Ciò si ricollega a una notizia di Ottobre, riportata anche su Ufoforum, del Concistoro di Ottobre che aveva di fatto già suscitato in molti lettori la possibilità di un imminente conclave... alla luce dei fatti questi attenti lettori non sbagliarono la loro lettura dei fatti.
Non è pertanto esagerato affermare che questa notizia rappresenta un punto di svolta epocale per la storia dell'uomo, soprattutto in un momento travagliato come questo, dove lo scontro tra Player B e Player C sta per giungere allo scacco matto.
Gli scenari che si aprono sono molteplici, ma tutti riportano a una conclusione non troppo assurda considerando la situazione geo-politica e socio-economica internazionale: l'arrivo dell'Armageddon.
Ci dobbiamo interrogare pertanto su cosa abbia spinto Ratzinger a rassegnare le dimissioni visto che le condizioni di salute della posizione ufficiale appaiono come una semplice scusa per una figura il cui mandato è a vita (e quindi necessariamente implica la perdita delle forze che giungono in prossimità del fine vita e l'esempio di Giovanni Paolo II lo dimostra ampiamente) e che rappresenta il Vicario di Cristo sulla Terra, quindi collegato alla sofferenza.
Per giungere a una possibile risposta si dovrebbe approfondire la figura della Chiesa Cattolica sulla scacchiera degli Illuminati. Noi del Progetto Atlanticus abbiamo sempre associato la Chiesa al Player A, ovvero a una posizione prettamente enlilita, volta a mantenere l'umanità in una situazione di 'beata ignoranza' in attesa della parusia, del ritorno di Cristo e del Giudizio Universale in contrasto con il Player B.
Altrettanto sappiamo che il gioco del Player C, legato al NWO, si fa oggi sempre più evidente, tanto da lasciar presupporre la seguente situazione.
Se qualcuno stesse tramando per realizzare artificiosamente le profezie di cui sopra così da individuare in un personaggio o in una istituzione il Salvatore del mondo al quale nessuno avrebbe più il coraggio di opporsi?!
Tutto sarebbe allora opera dell'uomo: dai terremoti, alla crisi, agli scandali in vaticano fino al ritorno stesso degli antichi dei e la parusia.
Se si presentasse DIO (o meglio qualcuno/qualcosa dipinto come tale) e in qualche modo dimostrasse agli uomini di essere davvero DIO (pur non essendolo), chi avrebbe a quel punto il coraggio di dire no al volere di DIO? (trasposizione del concetto di verità di Orwell in 1984)
Quel qualcosa si sarebbe pertanto garantito il potere Assoluto su tutta la Terra e ciò corrisponderebbe al trionfo del NWO, che giunge proprio dopo la fatidica data del 21/12/2012 prospettata dai Maya.
In realtà quindi tutto sarebbe una messinscena dei potenti che precedentemente hanno provocato terremoti, inondazioni, crisi sociali ed economiche, e perchè no?! pure spirituali con la crisi della chiesa: insomma hanno portato il mondo a un livelli di disperazione tale da essere pronto a donarsi al salvatore.
In piccolo la stessa cosa è successo in Italia con Berlusconi che ha preparato il terreno alla venuta di Monti, no?!
Tornando al nostro caso un falso Gesù Cristo è tornato: miliardi di persone ne sono convinte, ha fatto una serie di miracoli, resuscitato qualche morto, risolto grandi problemi globali come l'inquinamento...
... e alla fine chiede di sterminare tutti gli ebrei (o qualsiasi altra etnia, gruppo religioso, classe sociale)... o lavorare come schiavi per lui... Come potreste mai dirgli di no?!
E allora come non citare la seguente carta tratta dal gioco di carte degli Illuminati?



Le dimissioni del Papa e la realizzazione (o l'autorealizzazione) della profezia di Malachia potrebbe essere lo scacco matto del NWO, propedeutico alla costruzione artificiosa dell'Armageddon con conseguente trionfo dell'Anticristo.
Lo sbigottimento, l'incredulità e lo scoramento che questa notizia di fatto comporta potrebbe sì preparare il terreno alla mossa citata nella carta sopra indicata.
Così come la decisione di dimettersi e quindi di accelerare la venuta del Pietro Romano citato da Malachia potrebbe derivare dalla volontà di riconsegnare le chiavi del mondo prima che il satanico (non luciferino) progetto del NWO trionfi...
Ma in entrambi i casi la strada è segnata. L'Armageddon è imminente e sia che si giochi sul piano materiale, eventualmente con lo scoppio della terza guerra mondiale, sia che lo scontro tra le forze del bene e quelle della luce sia esclusivo appannaggio dei piani astrali metafisici l'umanità giocherà, seppur in modo inconsapevole, un ruolo fondamentale.
L'unica cosa che possiamo fare oggi è restare vigili e sempre più consapevoli, poichè se l'Armageddon è vicino significa comunque che anche il Player B sarà chiamato a intervenire drasticamente e a rendersi palese sulla scena. Il ritorno degli "Antichi Dei" potrebbe non essere lontano. Saremo pronti?


Ricordiamo infine il sito dell'autore:
http://www.progettoatlanticus.net/
 
Condividi
Torna ad inizio pagina 
Novità di oggi  Feed RSS di questa vetrina
Nessun articolo disponibile

UFO    |    Ricerche    |    UFO Forum    |    Eventi    |    Contatti    |    Disclaimer    |    Privacy